Il mio primo trans

Vi racconto la mia prima esperienza trans. Mulatto, femminile, indossava solo impermeabile e tacchi a spillo vertiginosi. Mentre passavo con la macchina aprì il suo impermeabile mostrando il suo enorme uccello nero che mi provocò una strana ma bellissima sensazione di piacere. Dopo qualche passaggio mi fermai accanto a lui solo per parlarci. Subito si avvicinò appoggiando il suo enorme cazzo al finestrino aperto. Come catturato dalla sua statuaria bellezza lo feci entrare e, senza saperlo, mi trovai nelle mani il suo grande cazzo che, anche se non in tiro, facevo fatica a tenere in mano. Appena entrati nel suo appartamento gli dissi che ero agitatissimo in quanto era la mia prima volta. Dopo avermi rassicurato mi spogliò adagiandomi sul letto dicendomi che era tanto che non sverginava un culetto bianco bello come il mio. Mentre continuavo a segarlo facendolo diventare sempre più duro ero sempre più preoccupato delle sue dimensioni . Dopo poco minuti lo tolse dalla mie mani appoggiandolo sulle mie labbra chiuse. Mi ordinò di aprirle e prenderlo in bocca. Piano piano la sua cappella nera entrava nella mia bocca facendomi quasi mancare il fiato. Mi disse che per prenderlo fino in gola avrei dovuto rilassarmi e succhiarlo come un cono gelato. Aveva ragione!!! A quel punto mi girò sul letto mettendomi a pecorina. Mi allargò le gambe iniziando prima a leccare per bene il mio sfintere lubrificandolo poi inizio a strofinarmi il suo mostruoso arnese. Lo sentivo pulsare ed ingrossare tra le mie gambe. In quel momento mi disse : “” ora di sfondo quel bel buchetto stretto che hai è diventi la mia puttana””. Non avuto nemmeno il tempo di rispondergli che lo sentii entrare. Prima ho sentito un dolore lancinante e lo pregai di tirarlo subito fuori. Lui mi disse : “”fai silenzio, apri bene le gambe, ora sei la mia troia, vedrai che morirai di piacere””” si fermò un attimo e poi lo spinse con un colpo tutto dentro. Aveva ragione. Morivo talmente di piacere da non sentire più dolore anzi, con il mio sfintere, ormai dilatato, cercavo di non farlo più uscire. Ero diventato la sua puttana.

Vota la storia:




31/08/2013 10:10

maurizzio

Anchio ho fatto un incontro con trans aveva piu di quarantaniaveva un cazzo sui venticinque cm siamo andati a casa sua abitava fuori citta mi fece spogliare io cominciai asuchiare le tete poi vole che succhiasi il cazzo poi mi dise metiti alla pecora mi leco lo sflitere poi con un colpo loo avevo tutto dentro cercai di svincolarmi mi diete un grande ceffone dise di stare buono poi comincio la monta godetti tanto finche mi sboro nel culo

30/08/2013 19:05

Marco

Bellissimi ricordi. Peccato che ormai te lo avranno spaccato in tanti il bel culetto bianc.....

25/11/2013 11:38

luigi

come vorrei fare un esperienz a simile...treotto otto vovantare quaranta quattro centoventi

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!